BASTA TEOCRAZIA: fuori Dio dallo Stato e dalla Pubblica Istruzione!
generated by sloganizer.net

20 marzo 2007

Posture e imposture

Tempo di mid-term (l'esame di metà corso) e i miei alunni gigioneggiano, si disperano, se ne fregano o cercano di ottenere più informazioni possibile riguardo al test, rasentando a volte l'idiozia ("Ci può dire le domande che ci farà?" o il classico ma non meno inquietante "Il materiale è così vasto", a fronte di un solo libro di testo, per giunta corto e scritto appositamente per studenti mentecatti). Tra tutti stimo quelli che se ne fregano. Almeno non cadono nel patetico.

Superate a suon di aspirine le mie due influenze recenti, mi son detto "passeggiamo un po' dopo la scuola". Ho preso tutta l'acqua che potevo e alla fine mi sono arreso all'evidenza di dover cercare riparo. E' così, e anche per colpa/merito del sempre provvidenziale Nuti, che mi sono infilato da Feltrinelli per poi uscirne con due oggetti tra l'involontariamente folle ed il genuinamente stupido (o viceversa).

Oggetto numero uno: La rivista "Catastrophe" (www.catastrophe.it). Una di quelle pubblicazioni molto saltuarie solo apparentemente radical chic che annaspano tra titoli improbabili tipo "Urbanistica ed Onanismo", "Saggi sull'Ermeneutica Quantistica", "Cinema Oltranzista Pigmeo" e "Baudrillard contro Mazinga". Grafica molto carina, formato ergonomico, articoli interessanti e mai banali. Divertenti e divertiti gli approfondimenti, lontani dai consueti e fumosi intellettualismi del settore. Le chicche principali: un articolo-fiume sugli aspetti ossianico-lisergici dei primi Pooh (ne escono praticamente come i "Sabbath de noartri"!), divagazioni sull'era e la sottocultura dei paninari, un possibile itinerario romano molto DeBordiano intitolato "DisneyRome", le allucinanti rivelazioni sul revisionista Cesco Capanna (insospettabile direttore della rivista "Fotografare"), l'"abisso electro-freak di Paul McCartney". La perla assoluta, almeno per me e per ovvi motivi, è l'articolo "Metallo pesante" di Luca Collepiccolo. L'amico Niccolò dovrebbe leggerlo: sono sicuro che si riconoscerebbe nel 90% di quanto scritto. E' in sintesi una lucida digressione sullo stato delle cose, scevro tanto da trionfalismi quanto da banali attacchi preventivi. Ed è ciò che più serve nel mondo del metal, intendiamoci. Sarebbe da riproporre per intero. Non potendo mi limito a due passaggi-chiave:

"(...) Ed i Manowar, del belligerante bassista Joey DeMaio, sono forse l'esemplificazione di quei toni battaglieri parossistici che storicamente si accompagnano alle chitarre sporche e ai tamburi battenti. Una celebrazione quasi primitiva quella del quartetto americano, barbari moderni di pelle vestiti e pronti a scendere in trincea, forti del loro credo: le altre band suonano, i Manowar uccidono! E giù risate."

"(...) Ciò che nei settanta e nei successivi ottanta appariva come un'estremizzazione del rock freakedelico è oggi innocuo punto di riconoscimento per il nulla. I metallari sono stati praticamente riassorbiti nel tessuto culturale: ciò che un tempo era simbolo d'appartenenza -una musica che travalica ed investe l'immaginario quotidiano con le sue tematiche e la sua voglia di indipendenza- oggi è vuoto merceologico. Basti adocchiare tutti gli alfieri del new metal, dagli Slipknot ai Mudwayne -e via discorrendo- nelle loro linde uniformi da macellai post-atomici, maschere e semi maschere, maquillage e sontuose ovvietà hollywoodiane. Non c'è più l'autentico trucco degli originali Kiss od il grandguignolesco teatro del supremo Alice Cooper di Billion Dollar Babies. Lo stesso fatto che queste cariatidi del rock'n'roll siano tornate a riciclarsi senza più un pizzico d'ironia è testimonianza lampante dello sfacelo artistico o dell'insofferenza comunicativa dell'heavy metal in quanto tale."

Esiste dunque nel terzo millennio una via "sensata" al metal, come fenomeno musicale e di costume? Sì, poiché l'articolo non è così one-sided da pretendere la rimozione acritica di un genere che può avere ancora un perché. Per sapere quale sia questa via andatevi però a leggere la rivista, ok? Anticipo solo un nome, che condivido al 200%: Sunn O))).

Oggetto numero due: Trovato per caso, acquistato per sfizio, esposto in camera da circa sei ore per puro feticismo musicale. Trattasi di "Psicologia Contemporanea". Se vedete la copertina capirete il mio improvviso interesse per la materia. Scherzi a parte, a suo tempo ho studiato psicologia cognitiva, ma ho sistematicamente rimosso tutto. L'articolo pubblicizzato in copertina ("Satana nella mente") mi ha attratto unicamente per il tipo di rivista che lo ospitava. Avessi trovato un titolaccio simile su "TV Sorrisi e Canzoni" l'avrei chiaramente lasciato sullo scaffale. Orbene, ad una prima lettura di psicologico o sociologico c'è veramente poco (se non una somma di statistiche tendenziosamente volta ad avvalorare le tesi cielline sulla famosa "musica del diavolo"). Tra citazioni di Marilyn Manson, Death SS, Mercyful Fate e aneddoti francamente inutili su Aleister Crowley il fil rouge dell'articolo si svela inesorabile ed avvilente: "la musica satanica fa proseliti del diavolo", sembra dire in una compressione Bignamizzante. E questo mi sconforta. Se anche l'accademia, gli studiosi (che dovrebbero essere "quelli seri", cazzo; non i beghini scout o i "genitori della domenica"), gli psicologi (in questo caso Jolanda Stevani) non sanno fare altro che ripetere a pappagallo le cieche banalità di pagliacci come Carlo Climati (non a caso tra i "pensatori" citati nella bibliografia) allora siamo messi MOLTO MALE. Non in una riga, non in un passaggio logico dell'articolo si avanza il più semplice, ragionevole e fondato dei dubbi, tanto forte da smontare ogni castello in aria chiamato "rock satanico": "sappiamo distinguere tra realtà e finzione?". Questo è il nodo. Ma non vale solo per l'imberbe giovincello in fregola per le emozioni forti. Vale anche per chi "seriamente" considera i testi di King Diamond come atti di devozione al demonio. Quando sento (leggo) gente (accademici, ripeto) ragionare così e prendere fischi per fiaschi mi chiedo se non siamo inchiodati ai tempi pionieristici del cinematografo, in cui la gente scappava dalla sala di proiezione perché vedeva un treno andar loro incontro. Era un film, caro psicologo. Finzione. Inutile e stupido montarci su il caso dei "treni assassini". Si legga comunque per intero l'articolo (fotocopio io...) e ci si soffermi sui qualunquismi terroristici infarciti di cliché, non ultimo la tecnofobia tanto cara ai cattolici: "Il contatto con il satanismo può quindi iniziare dall'ascolto di musica di un certo tipo, magari sotto l'indicazione di amici. Il passaggio successivo consiste nel dedicarsi alla traduzione e alla comprensione dei testi. Da qui a navigare in Internet, dove sono presenti in abbondanza siti satanici in piena regola (...dunque?, NdJV), il passo è davvero breve, per non parlare poi delle chat (perché non parlarne? NdJV), dei forum, dei newsgroup e di tutte le altre alternative di comunicazione virtuale alle quali è possibile accedere con estrema facilità. Proprio in Internet, secondo alcune ricerche (quali? Manuale del giornalista, capitolo uno: citare le fonti. NdJV), sarebbero maggiori le istigazioni a comportamenti devianti e criminali di impronta satanista, data la difficoltà di esercitarvi un controllo; basti pensare che sono stati contati circa 250.000 siti che si occupano di satanismo".

Paura, eh? Ricordate anche di non accettare caramelle dagli sconosciuti e di non toccarvi, sennò diventate ciechi. O psicologi.

Ok, ora tutti a nanna. Spero abbiate gradito le fiabe di stasera.

Dimenticavo: oggi era la festa del papà. Auguri a chi lo è, il solito monito a chi lo vuol essere: ripensateci. Mettere al mondo un figlio oggi è un atto di irresponsabilità, non di amore. Basta col mito obsoleto della procreazione come necessità biologica, dovere morale e gesto di altruismo. Apriamo gli occhi e rendiamoci conto che in un mondo che muore (e noi l'abbiamo ucciso, nessun capro espiatorio) l'unica eredità per il nascituro sarà quella dell'agonia.

Buonanotte.

Etichette: , ,

11 Comments:

Anonymous Niccolò said...

Si trova ovunque quella rivista? L'articolo sulllo stato del metallo cavallo mi interessa!
Concertame concertame: io voglio andare in aprile a vedere Wednseday 13, e il giorno dopo alla Flash Night alla Siddharta!

20 marzo, 2007 10:23  
Anonymous giuliab said...

Mi levi una curiosità? Ma la parola "radical chic" quand'è uscita? tre anni fa non la usava nessuno, poi tornata dalla Cina, un giorno mi son presa col fidanzato di mia cugina, che un pò sprezzante mi ha detto "ah ho capito, tu sei una radical chic" (avevo infamato la de filippi e quelle stronzate di programmi che fa)...chi l'ha coniato il termine? è un'offesa?
per quanto riguarda "psicologia contemporanea", sono andata a cercare su internet perché pensavo che magari fosse l'inserto scientifico di "famiglia cristiana", invece pare sia una rivista seria ( si vabbè...)ho letto altri interessantissimi titoli "Kamikaze - le basi biologiche dell'attacco suicida"(?),"sms la scrittura dal fiato corto",...pare proprio una cosa seria...O_O

20 marzo, 2007 12:15  
Blogger Admiral Benbow said...

credevo che l'articolo più interessante di "Catastrophe" riguardasse Moana ......

20 marzo, 2007 12:29  
Anonymous Antani radical-chic 3° said...

Sto ancora ridendo per Onanistica Urbanistica...

Jonny Boy ed il sottoscritto abbiamo passato tutto il convegno di RC a guardarci intorno con aria saccente & ad apostrofare il tutto con "...é tutto così Radical Chic..."
Abbiam riso come matti all'idea che qualcuno, da qualche parte, si sia sentito in dovere di creare ad arte una parola che non vuol dire niente, per descrivere un qualcosa di inesistente, usando due mezze parole inutili. Potremmo indire un concorso a premi per chi ne inventa di similari...

Lo Zingaretti che dice, o voi che avete qualcos'altro sulle mensole nella cameretta che non sia un Fumetto Supereroistico?

Baci Umidi

20 marzo, 2007 20:45  
Anonymous giuliab said...

Nella mia ignoranza sub-umana pensavo fosse un termine nuovo, invece sul vocabolario c'è eccome,il "DeMauro" dice:,ES ingl. agg.inv., s.m. e f.inv., iron., spreg., che, chi manifesta per moda e snobismo tendenze politiche di sinistra: locale frequentato da r., borghesia r. | agg.inv., di qcs., che rivela tali tendenze: atteggiamento, abbigliamen-to r.
Termine coniato nel 1970 dal giornalista Wolf riferendosi a un concerto di beneficenza diretto da Leonard Bernstein in favore del movimento estremista delle Black Panthers e ripreso da Indro Montanelli per definire una particolare categoria di intellettuali.
Tuttavia, adessso è un termine che sento usare spessissimo!

20 marzo, 2007 22:01  
Blogger JonVendetta said...

Hola, quanta gente.
Allora, Giulia mi ha preceduto nel fornire delucidazioni su "radical chic"... Aggiungo un passo su Wolfe facilmente rintracciabile in rete e che accontenta il prurito neologistico di Antani:

"Lui (Wolfe) fu quello che molti anni fa inventò la definizione "radical chic" per quella sinistra con la puzza sotto il naso, il caviale in frigo e la pashimina avvolta sbadatamente intorno al collo. Ora chiama "marxisti rococo" i figli dei "radical chic", quelli che si credono antropologicamente superiori alle masse."

Ergo adesso possiamo buttarci su "marxisti rococo", nel caso "radical chic" ci sembrasse abusato e un po' consunto.
Cercherei comunque di slegare il termine dagli ambienti di sinistra, non perché li ritenga immuni da stupidi intellettualismi di maniera (anzi), ma perché credo questa sia una tendenza così universale da travalicare le differenze di partito. Si pensi anche solo al balilla Montanelli, che fu forse il primo esempio di "radical chic di destra"... Vi farei rivedere volentieri una vecchia intervista in cui lodava un ancor senziente Umberto Bossi. Per i suoi trascorsi più -ehm- remoti, si sa poi di che pasta fosse...

Per Admiral:
Devo ancora finire di leggere il numero, ma ancora di Moana non ho trovato traccia. Lo sai, il metallo ha la priorità su tutto (donne e cibo compresi)...

Per Giulia:
In realtà la rivista è nel complesso molto interessante. In questo numero ho trovato notevoli gli articoli "Il dimorfismo della gelosia", "Scintille creative" e "Febbre da pixel". In generale si evidenzia l'impegno di coniugare divulgazione scientifica e scorrevolezza nell'esposizione. Purtroppo, quando prevale l'elemento "popolare", si finisce con lo scrivere pezzi di poca o nessuna utilità, buoni per la copertina, buoni per (che so) Focus, ma null'altro.
L'articolo sulla musica satanica non è per fortuna rappresentativo, anche se fa sorgere dubbi sull'autorevolezza degli autori e l'attendibilità degli scritti.

Per Niccolò:
Puoi trovare Catastrophe nelle librerie.
Forse vengo alla Flash Night, ma giusto per fare un po' di polemiche gratuite... ;-)

20 marzo, 2007 22:26  
Anonymous giuliab said...

Scusa ti ho tolto il piacere della delucidazione :-( è che questa settimana sono un pò intristita allora cazzeggio parecchio....

21 marzo, 2007 00:04  
Anonymous er Kinoppo said...

Marxisti rococo!
Che meraviglia!
Grazie Jon, rendi sempre migliori le mie giornate :'D

21 marzo, 2007 14:04  
Anonymous cagliostro said...

sui figlioli hai proprio ragione!Anch'io la penso così.. Grande Jon! :)

22 marzo, 2007 03:11  
Blogger Admiral Benbow said...

sulla questione prole io invece non la penso com Jon, pur comprendendo il motivato pessimismo di fondo.

22 marzo, 2007 10:41  
Blogger JonVendetta said...

Kinoppo, ridi poco: sei già in via di classificazione come "socialdemocrat dandy"...
;-)

22 marzo, 2007 14:57  

Posta un commento

<< Home

google, myspace, youtube, hammerblow, tombstone, ebay, yahoo, musica, heavy metal, boicotta, berlusconi merda, anticlericale, metallari, metallini, tallo, anticristiano, nichilismo, ateismo, agnosticismo, antipapa, maledetto xvi, belphegor, savatage, danzig, w.a.s.p., dogs d'amour, testament, death angel, slayer, overkill, skidrow, cinderella, poison, motley crue, fuck, bush, shell, esso, texaco, mcdonald's, nike, amerikkka, rockpolitik, troma, trash, scult, paninari, recensioni, gianni della cioppa ladro, multinazionali, corporate bullshit, ovetto Kinder, ogm, siae, ufo, telecom, bscmf, pmrc, prc, asnu, consiag e tutte le altre inutili keywords nascoste a cui non ho ancora pensato. Se stai leggendo qui sei losco quanto me.